was successfully added to your cart.

adios

La decisone dei giorni scorsi giunta da Mountain View, che ha definito ufficialmente la chiusura di Google News in Spagna, ha sorpreso l’intero settore editoriale europeo. Dopo gli avvenimenti accaduti in Germania, dove l’influente editore Axel Springer aveva preferito sottrarsi alle anteprime di Google News piuttosto che fornire gratuitamente articoli e contenuti di sua proprietà, si è creata una situazione similare in Spagna. L’esperimento dell’editore tedesco è durato circa due settimane e ha registrato un grave crollo del traffico sui quattro siti coinvolti ( Welt.de, Computerbild.de, Sportbild.de e Autobild.de) costringendo il più grande editore tedesco ad arrendersi e riconoscere il ruolo determinante di Google News nel mondo dell’informazione.

Analizzando i due casi europei, l’azione decisa e univoca degli editori spagnoli ha portato ad una drastica soluzione: l’Associazione editori spagnola ( AEDE), facendo pressione sul Governo e reclamando diritti d’autore non riconosciuti, ha inoltrato insistentemente una congiunta richiesta che ha portato all’approvazione di una nuova legge in vigore da Gennaio 2015. La legge, promulgata dal Parlamento, definisce il pagamento di un contributo ai produttori di contenuti da parte degli aggregatori di notizie.

google-news

La reazione è stata categorica, devastante per gli editori.

Google ha preferito non entrare in dispute con editori e legislatori spagnoli, schierandosi in onerose guerre legali, ma circoscrivere il caso facendo pesare la propria assenza. Google News è un canale determinante per la divulgazione e condivisione di contenuti, inutile quindi sottolineare l’enorme portata di traffico utenti che garantiva grazie alla condivisione e integrazione di articoli e anteprime nel motore di ricerca, fattori riconosciuti a quanto pare solo dopo la cessazione del servizio. L’estromissione di una enorme fonte di visibilità come Google News, ha avuto ripercussioni e cali di audience importanti e il dietrofront da parte dell’AEDE è stato immediato. Esprimendo il proprio dispiacere per la chiusura di Google News Spain, gli editori iberici stanno quindi ora esortando il governo ad una ulteriore azione legale per risolvere il danno economico creatosi.

 

 

 

 

 

“Adios” Google News! was last modified: 16 dicembre 2014 by Matteo Di Costanzo