was successfully added to your cart.

Advertising: nel 2016 i primi cartelloni pubblicitari in 3D

aereo

La tecnologia 3D esce dalle sale cinematografiche per approdare su larga scala nel settore Advertising, più precisamente sui cartelloni pubblicitari. Una vera e propria rivoluzione tridimensionale pronta a fare il suo ingresso nel 2016.

La collaborazione tra il Politecnico di Vienna e la start-up austriaca TriLite ha reso raggiungibile questo traguardo. Superate diverse difficoltà tecniche, la tecnologia 3D è ora applicabile ai cartelloni grazie a un sistema di laser multi-direzionali e uno specchietto mobile, che permettono di assistere all’effetto tridimensionale senza bisogno di occhiali.

In gergo più tecnico: “Lo specchio dirige i raggi laser attraverso il campo visivo, da sinistra a destra, e durante il movimento l’intensità del laser è modulato in modo che diversi laser flash vengono inviati in diverse direzioni”. Questa è la descrizione fornita da Ulrich Schmid, uno dei responsabili del progetto, riguardante il funzionamento dell’accurato meccanismo che porterà una nuova frontiera dell’advertising tra le strade delle grandi città.

I cartelloni pubblicitari 3D creati da TriLite sono resistenti agli agenti atmosferici e garantiscono una visione perfetta anche in caso di esposizione alla luce solare. L’animazione tridimensionale si manifesterà a 360 gradi attorno al cartellone e sarà visibile solo entro una determinata distanza. A seconda dell’angolazione e del punto di osservazione si potranno vedere diversi tipologie di annunci in un unico schermo.

Gli sviluppatori affermano di poter presentare i primi cartelloni 3D già nel 2016. Sarà interessante analizzare l’impatto e gli effetti del posizionamento di questa futuristica soluzione pubblicitaria, specialmente in luoghi dove i cartelloni dominano indiscussi il panorama urbano.

Il successo di questo progetto comporterebbe un grande passo avanti verso una realtà sempre più digitale.

Advertising: nel 2016 i primi cartelloni pubblicitari in 3D was last modified: 20 gennaio 2015 by Matteo Di Costanzo