was successfully added to your cart.

Che differenza c’è tra pieghevoli, brochure e volantini?

azrml4anteportafoglio

Pieghevoli, brochure e volantini sono ottimi strumenti di comunicazione per i tuoi prodotti o i tuoi servizi, ma l’uno non sostituisce affatto l’altro e, soprattutto ogni strumento è diverso dall’altro e risponde a logiche e metodologie differenti. Perciò per utilizzarli al meglio bisogna conoscere le differenze che intercorrono tra pieghevole, brochure e volantino.

Volantino o flyer

Con il termine volantino o flyer si intende una pubblicazione cartacea di vari spessori stampata su di una o su entrambe le facciate. Si usa per informare in maniera veloce ed incisiva i possibili clienti. Viene usato per promuovere degli eventi, delle attività commerciali, per pubblicizzare nuovi prodotti e servizi, per promozioni di varia natura. Può assumere vari formati ma generalmente si preferiscono i formati tascabili (A5 ad esempio) per fare in modo che il fruitore possa ritirarlo e leggerselo con calma. Questo è sia un limite che un vantaggio. Il flyer o volantino non può essere troppo specifico o prolisso, ma deve condensare in poche frasi tutte le informazioni necessarie per trasformare il lettore in cliente. Graficamente dev’essere impostato in modo che il messaggio sia molto chiaro e persuasivo evitando inutili fronzoli. Deve contenere quella che in gergo viene chiamata “Call To Action”, ossia un invito all’azione; un riquadro o comunque un elemento grafico che spicchi su tutto il resto per incentivare una reazione al messaggio.

Pieghevole o dépliant

Il pieghevole, chiamato spesso col termine francese dépliant, è un piccolo foglio stampato e piegato a 2, 3 o 4 ante che si distribuisce a scopo pubblicitario, promozionale ed informativo. Lo scopo del depliant o pieghevole è di fatto molto simile a quello del volantino ma nella forma e nella struttura è uno strumento molto più complesso e ricco di approfondimenti. Viene usato per promuovere e pubblicizzare eventi, attività commerciali in modo più esauriente rispetto al semplice volantino o flyer. Deve assumere, graficamente, un forte carattere emozionale e non dovrebbe contenere informazioni troppo tecniche. E’ una sorta di estensione del biglietto da visita. E in ogni parte del pieghevole o depliant devono essere inseriti dei contenuti ad hoc.

Brochure o opuscolo

La brochure (altro termine francese) o opuscolo è uno stampato composto da un numero limitato di pagine fino a 16/20 pagine massimo. Generalmente ha lo scopo di presentare in maniera esaustiva un’attività commerciale o un servizio dando informazioni di carattere generale e pratico. Riassumendo è un piccolo catalogo, rilegato di solito con punto metallico. Stampato di norma in numeri ridotti, è uno strumento di comunicazione molto prezioso e pertanto non distribuito massivamente. Si tende a crearlo graficamente in modo da trasmettere un messaggio emozionale che veicoli i valori dell’azienda e i plus del suo prodotto o servizio.

Catalogo

Infine il catalogo ha lo scopo per un’azienda di offrire al proprio cliente tutte le informazioni necessarie per la migliore fruizione del proprio prodotto o servizio. Generalmente è suddiviso in varie parti:

  1. introduzione
  2. presentazione aziendale
  3. presentazione prodotti/servizi
  4. info utili

Spesso i prodotti/servizi sono corredati da una scheda tecnica specifica e talvolta anche dal prezzo. Il catalogo generalmente è molto tecnico e per questo non è destinato al grande pubblico.

Faenza Group, azienda leader in Italia e nel mondo, con oltre 40 anni di esperienza, è il partner ideale al quale affidare la comunicazione della tua azienda. I nostri account e i nostri tecnici ti seguiranno passo dopo passo nella scelta nel font e delle immagini giuste per realizzare i tuoi prodotti di comunicazione. Per la tua comunicazione scegli l’esperienza e la qualità, scegli Faenza Group.

RICHIEDI UNA CONSULENZA GRATUITA:

Che differenza c’è tra pieghevoli, brochure e volantini? was last modified: 20 marzo 2019 by Amministrazione