was successfully added to your cart.

Il fatturato dell’industria dell’informazione tornerà a crescere nel 2015

fatturato-industria-inforamzione

Le previsioni per il 2018 appena pubblicate da PwC nel suo Entertainment&Media Outlook 2014–2018 fanno ben sperare il mercato dell’informazione mondiale.  Se i giornali hanno visto un calo progressivo dei propri guadagni negli anni passati, il trend di crescita dovrebbe tornare positivo nel 2015, per poi mantenersi stabile fino al 2018.

La sfida degli editori sarà rappresentata dal saper integrare digitale e cartaceo, guadagni provenienti da pubblicità e da vendita di copie all’interno di un mercato che sceglierà, in base a innovazione, creatività e velocità di esecuzione i nuovi player dell’informazione.

Industria informazione 204 - 2018-0000

La crescita però non sarà per tutti, e le zone con più difficoltà saranno quelle di Stati Uniti ed Europa occidentale, che vedranno ridurre rispettivamente del 4 e del 2% i guadagni derivanti da vendite di copie e dagli introiti pubblicitari.

Industria informazione 204 - 2018-0004

Il modello di business dell’editoria è peraltro destinato a cambiare in modo sostanziale, con la spesa per la pubblicità destinata a pareggiare la spesa per le copie vendute. Se da un lato questo dato equivale a una maggior penetrazione e una maggiore fidelizzazione del lettore, dall’altro mette in evidenza una importante decrescita del mercato dell’advertising nel mondo dell’informazione.

Industria informazione 204 - 2018-0001

La vendita di copie digitali non avrà un trend di crescita così rapido come molti operatori si aspettavano, e conferma come il modello di vendita della “carta” sarà ancora di gran lunga prevalente rispetto alle copie distribuite mediante bit e byte. Il digitale non sarà un mercato che consentirà all’industria dell’informazione di crescere a velocità sostenuta, ma consentirà di ottimizzare l’investimento nella produzione dei contenuti mediante la disponibilità di riviste, giornali e quotidiani in tutto il mondo e a portata di clic.

Industria informazione 204 - 2018-0002

Anche il mercato della pubblicità sembra premiare ancora la carta, con una percentuale digitale che sarà (solo) del 16% nel 2018.

Industria informazione 204 - 2018-0003

La crescita del mercato pubblicitario legato al digitale è da ricercare direttamente su internet, che vedrà un aumento del 10,7% fino al 2018. Magazine e giornali sono invece in trend negativo, come evidenziato dal pareggio di introiti fra vendita di copie e ricavi pubblicitari.

internet-e-spesa

I magazine in particolare vedranno i guadagni provenienti dalla pubblicità nel formato digitale crescere dal 10,5% al 25,7%, una tendenza che andrà sfruttata da subito per portare su tablet e smartphone i propri contenuti e il proprio brand.

spesa-per-i-magazine

 

Per i giornali la crescita tendenziale della pubblicità digitale sarà maggiormente contenuta, passando dal 6,8 al 12%.

introiti-giornali

 

Faenza Group offre le migliori soluzioni multicanale

In anticipo sui tempi, Faenza Group ha studiato una serie di prodotti in grado di aiutare i propri clienti a diversificare i canali di vendita dei propri contenuti. Grazie all’acquisizione di Alta Media, il cui centro di ricerca è rimasto comunque locato negli USA,  le soluzioni legate al Digital Publishing sono diventate a portata di mano, e consentiranno agli editori di trasferire i propri prodotti a stampa anche su tablet e smarpthone.

Il fatturato dell’industria dell’informazione tornerà a crescere nel 2015 was last modified: 5 giugno 2014 by Matteo Rubboli