was successfully added to your cart.

Il New York Times: La Home Page sta morendo uccisa dai Social

New York Times Innovations

La home page del sito di uno dei maggiori portali informativi del mondo è in seria crisi, limitata dal traffico referral proveniente dai social network. Queste le conclusioni delle analisi condotte dal New York Times con lo studio Innovation, che ha il compito di aiutare a traghettare il gruppo nel difficile passaggio all’era digitale. Lo studio evidenzia come, soprattutto a causa dell’utilizzo sempre più diffuso delle piattaforme social e dei dispositivi mobili (ma anche del traffico di ricerca), la home page della prestigiosa testata giornalistica sia ormai visitata da solo un terzo degli utenti, che preferiscono dirigersi subito al contenuto, vero punto di interesse del sito.

Il traffico social dirige inevitabilmente solo al contenuto, e il lettore non è poi stimolato ad approfondire la visita. I dati di accesso alla pagina iniziale del sito evidenziano come, dal 2011, i visitatori si siano dimezzati.

Visite Home Page NYT

 

Editoria tradizionale VS Editoria innovativa

L’editoria tradizionale è rimasta decisamente al palo riguardo nuovi modelli di coinvolgimento di pubblico, e la pubblicazione di news non è più sufficiente a garantire traffico e approfondimento della visita da parte dell’utente. Siti come BuzzFeed e l’Huffington Post stanno diventando player sempre maggiori nella competizione in lingua inglese, e il modello di sviluppo del business editoriale è tutt’altro che tradizionale e improntato alle visite provenienti dal traffico diretto, il vero canale di interazione fino all’inizio del 2011.

Creazione di contenuti da parte degli utenti, promozione degli articoli sui social con strategie di ri-condivisione dei contenuti passati, ottimizzazione degli strumenti tag, una migliore gestione delle immagini e la ricerca della massima interazione con gli utenti sono solo alcuni degli accorgimenti che lo studio ha individuato come necessari per trasferire la sua leadership dalla carta al web.

Schermata 2014-05-28 alle 18.07.56

 

Facebook, un generatore di traffico irrinunciabile

Nonostante l’ampliamento delle offerte di differenti social network (Twitter, Google Plus, Pinterest, Tumblr e altri) Facebook rappresenta un veicolatore di traffico irrinunciabile per il grande quotidiano (ma anche per gli altri siti del mondo) e le strategie di coinvolgimento e interazione col pubblico devono essere ottimizzate per ottenere risultati migliori rispetto al passato.

Il progressivo oscuramento dei contenuti da parte del social di Zuckerberg ha inoltre costretto ad un surplus di lavoro i Social Media Marketers del New York Times, che possono però fruire di una pagina seguitissima. Il loro rendimento è visibile dalla percentuale di interazione, che è però decisamente bassa, attestandosi attorno solo al 3% (7.315.000 like, 233.024 ne parlano) contro una percentuale che, nei casi dei competitors Huffington Post e BuzzFeed, è ben superiore.

Percentuale coinvolgimento New York Times: circa 3%

Pagina Facebook New York Times

Percentuale coinvolgimento Huffington Post: circa 44%

Huffington Post Facebook

Percentuale coinvolgimento BuzzFeed: circa 44%

BuzzFeed Facebook

 

Il New York Times e l’editoria tradizionale hanno quindi grandi potenzialità di sviluppo legate all’utilizzo migliorato delle piattaforme di condivisione sociale, che devono essere guardate con un occhio non solo di utilizzo, ma anche di innovazione e creazione di strategie creative di promozione.

Il New York Times: La Home Page sta morendo uccisa dai Social was last modified: 29 maggio 2014 by Matteo Rubboli