was successfully added to your cart.

Premio Faenza, artisti internazionali e record di partecipazioni al concorso dedicato all’arte della ceramica

premio

Alla cinquantanovesima edizione del prestigioso Premio Faenza, promosso dal Mic (Museo internazionale delle ceramiche), hanno partecipato 618 artisti provenienti da 57 paesi, in una esposizione complessiva di oltre 1.300 opere.

L’evento ha ospitato una giuria d’eccellenza composta da esperti e critici di calibro internazionale com Claudia Casali, direttrice del Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza, Monika Gass, curatore, direttore Westerwald Keramik Museum, Hohr-Grenzhauesen, Germania; Grant Gibson, scrittore, critico e editore di Crafts Magazine, London, United Kingdom; Daniela Lotta, docente universitario, critico d’arte contemporanea e curatore, Faenza, Italia.

La protagonista del concorso è l’artista italiana Silvia Celeste Calcagno premiata per la sezione over 40 con l’opera Interno 8 – La fleur coupée. La premiazione è stata motivata con questa dettagliata descrizione dell’opera:
“Il progetto Interno 8 – La fleur coupée costruisce un racconto legato ad una dimensione sociale e politica molto attuali. La figura femminile è declinata nelle sue fragilità e intimità, narrata attraverso dinamiche contrapposte che mescolano immagini dalla marcata prospettiva emotiva. L’opera gestisce con efficacia i diversi linguaggi della contemporaneità come performance, fotografia, installazione sonora e ambientale, strutturando una complessa stratificazione narrativa che si concretizza in una ricerca ceramica di natura sperimentale dove l’insieme di 2000 piccole tessere sublima la figurazione del singolo dettaglio in una astrazione d’insieme.”

Il riconoscimento per la sezione under 40 è stato conferito agli artisti Helene Kirchmair (Austria) con l’opera Bobbles, e Thomas Stollar (Stati Uniti) con l’opera 1900 steps #2. “Helene Kirchmair analizza il micro e macrocosmo attraverso superfici trattate tecnicamente in modo differente, offrendo sensazioni visive e tattili davvero uniche che richiamano la dimensione organica e vegetale, l’invisibile ma reale. Thomas Stollar attiva un processo di relazione con i luoghi della sua quotidianità giungendo a formalizzare in una risoluzione plastico-visiva il proprio vissuto.”

La mostra delle opere dei vincitori sarà inaugurata il 26 Giugno e rimarrà allestita fino al 24 Gennaio 2016. Un’appuntamento da non perdere alla scoperta delle espressioni creative degli artisti che prediligono il materiale ceramico.

Premio Faenza, artisti internazionali e record di partecipazioni al concorso dedicato all’arte della ceramica was last modified: 13 maggio 2015 by Matteo Di Costanzo